Il colloquio telefonico tra Boris  Pasternàk e Stalin nel 1934  avente ad oggetto il destino di Osip Mandel’štam

L’ambiguità è il core business della poesia

L'Ombra delle Parole Rivista Letteraria Internazionale

Stalin Stalin

Corso monografico dell’anno accademico 1972-73 di Angelo Maria Ripellino

 (commento e traduzione di A. M. Ripellino – pgg. 30-31)

(note 127-128-129-130  di Antonio Sagredo – pgg. 30-31)

Il I° Congresso degli scrittori sovietici esaltò Boris Pasternàk come uno dei principali poeti dell’epoca: questo si spiega col fatto che nel 1934 Pasternàk era all’apice del successo e godeva dell’appoggio di alcune figure del partito, benché fosse un poeta in disparte. È nel ’34 che iniziò quel suo andare verso la semplicità, che caratterizzerà  la seconda parte della sua vita.

   Verso il regime sovietico si comportò bene e con coraggio. Cercò di aiutare Mandel’štam[1]27, quando questi fu arrestato nel ’34, e si recò dal poeta Demjan Bednyj che godeva della protezione di Stalin. Ma nel 1934, quando Pasternàk si recò da lui, Bednyj era appena caduto in disgrazia, perché aveva scritto nel suo diario…

View original post 1,108 more words

9 thoughts on “Il colloquio telefonico tra Boris  Pasternàk e Stalin nel 1934  avente ad oggetto il destino di Osip Mandel’štam

      • si Mandelstam è il simbolo di come la violenza morale e l’estabilishment annientino la libertà di espressione prolificando anche all’interno di un contesto intellettuale e colto, che specie durante i regimi diviene ambiguo e tendenzialmente servile, è anche il simbolo di quanto tutti i suoi famosi e celebratissimi amici (schiaffeggiò in pubblico Tolstoj) fossero gracili e esangui figure al suo cospetto che l’abbiano difeso o meno e con quanta forza Pasternak o la Acmatova poco conta, lui il cardellino di Pietroburgo aveva una voce cosí istintiva e selvaggia da far preoccupare un “amante della poesia” come Stalin, un pugno di parole furono meritevoli di farne cancellare ogni pubblicazione e decretare la morte in esilio. Neanche Dante ottenne tanta ostilitá, se non é essere potenti questo..

        Like

      • Thanks for your attention, really appreciated especially if I wrote in my language like in this post! And waiting for my tortellini in brodo (typical italian dish for Christmas) I’m wondering if you see any jacaranda in bloom from where you stay, hope yes, it’s my favourite tree 💜👋🏻

        Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s